Presentiamo 5 razze di gatti come figure di guerra rivoluzionaria

Se sei mai stato vittima del colpo difensivo di un gattino arrabbiato, sai che i gatti sono piccoli combattenti spietati. La loro natura galante mi fa chiedere: come sarebbero i gatti se fossero dei veri soldati umani? Sì, lo so - chi non si è chiesto proprio questa cosa?


Nel tentativo di risolvere questo enigma che senza dubbio ti ha tenuto sveglio la notte (giusto in tempo per il Giorno dell'Indipendenza), presento diverse figure della Guerra d'indipendenza americana insieme alle loro controparti feline.

1. Siamese come Paul Revere

Nessun gatto urla Paul Revere come il siamese. E questo in parte perché nessun gatto urla così forte come il siamese. Le persone con tatto chiamano il miagolio costante 'vocalizzazione frequente'. Come buon amico del proprietario di un siamese loquace (e come persona senza tatto) chiamo i rumori del gatto del mio amico 'il motivo per cui zia Laura ha più cocktail quando viene a trovarmi'.


Questi gatti ti diranno costantemente cosa sta succedendo e, in quanto tali, è giusto che siano chiamati Paul Revere delle razze di gatti, poiché Revere annunciò notoriamente l'approccio degli inglesi nel 1775.

2. Manx come Margaret Corbin

Considerando il loro fondoschiena senza coda dall'aspetto duro e la loro disposizione tenace, non è difficile immaginare la scrapposa razza Manx che prende regolarmente a calci il culo e prende nomi.


Margaret Corbin è stata la prima donna nella storia degli Stati Uniti a ricevere una pensione a vita dal Congresso e ad essere sepolta con tutti gli onori militari, nonché la prima donna soprannominata 'Molly Pitcher' e la prima donna ferita nella Rivoluzione americana. . Quale razza diversa dall'audace Manx potrebbe essere Margaret Corbin?



3. Abissino come John Hancock

Vivace e intelligente, il John Hancock dei gatti deve essere l'Abissino. Dopo tutto, il laureato di Harvard Hancock fu la prima persona a firmare la Dichiarazione di indipendenza e divenne il primo governatore del Massachusetts. Ma come ogni razza con questa quantità di cervello, c'è anche un lato astuto.


Senza molti stimoli e supervisione, gli abissini sono noti per diventare un po 'distruttivi e manipolatori, non diversamente da un certo signor Hancock, che, a parte i molti meravigliosi risultati della vita, è stato spesso accusato di gestione finanziaria altamente discutibile.

4. Singapura nel ruolo del generale Sir Banastre Tarleton

Adesso ascoltami. Ho scelto i Singapura per rappresentare l'ufficiale britannico notoriamente impopolare non perché sono gatti cattivi. Chiamo tutti quei singapura là fuori piccoli Tarletons a causa della loro tendenza ad essere aggressivi. Certo, ci sono molti fattori che contribuiscono al livello di aggressività in un gatto, e se sei dalla parte buona di un Singapura, scommetto che sono piccoli angeli. Ma proprio come i Patriots hanno dovuto affrontare le spietate tattiche militari di Bloody Ban Tarleton, sii pronto a combattere un po 'di malumore quando si tratta di un Singapura.


Ma se decidi di adottare uno di questi animali domestici stimolanti, fammi un favore personale e chiama il gatto generale Sir Banastre Tarleton. Perché sebbene Tarleton fosse un essere umano discutibile, quanto sarebbe stato bello dire: 'Generale Sir Banastre Tarleton, togli i piedini della lettiera dal tavolo della cucina'?


5. E infine, George Washington è ovviamente ...

Una tigre. Mi rendo conto che non è proprio così che funziona questo gioco, ma così sia. Papa Washington è il migliore, così come le tigri.

Foto in alto: il generale George Washington che accetta la resa del generale Charles Cornwallis come rappresentato da Currier & Ives di Shutterstock


Maggiori informazioni sulle recenti vacanze di Catster:

  • Giornata nazionale di sensibilizzazione sui palle di pelo: aiuta il tuo gatto a festeggiare
  • Celebrate la Giornata nazionale di sensibilizzazione sui boli di pelo con i video
  • Chiediamo a un gatto informazioni su International Pooper Scooper Week

Circa l'autore:Laura Jaye Cramer è una scrittrice e ballerina freelance con sede a San Francisco. Quando non è impegnata a prendersi cura del suo dolce gattino, può essere trovata a sbavare su artefatti in un museo, a costruire un santuario a Dolly Parton oa mangiare un trogolo di guacamole. Seguitela su Instagram, Twitter e Facebook.