Incontra i gattini felici di Blind Cat Rescue and Sanctuary

Non ci vuole molto per rendersi conto che i gatti ciechi sono proprio come gli altri gatti. Corrono, saltano e giocano. Possono essere esigenti quando vogliono attenzione e estremamente affettuosi quando la ottengono. Inseguono palle increspate, corrono su alberi di gatto e diventano cuculo per erba gatta.


Alana Miller lo vede accadere ogni giorno. Dal 2005 è proprietaria e gestisce l'organizzazione no profit Blind Cat Rescue and Sanctuary di St. Pauls, North Carolina. Il fatto che i suoi gatti ciechi siano gatti normali e felici è qualcosa che probabilmente urlerebbe dalla cima di una montagna se potesse. 'Non so quante volte devo dire alle persone: un gatto cieco non sa di essere cieco', dice. 'Sa di essere un gatto. Si comporta come un gatto.

Blind cats enjoy the climber at Alana Miller


Miller si è offerto volontario in un altro rifugio della zona per diversi anni prima di aprire il Blind Cat Rescue. A quel tempo, non avrebbe mai pensato che avrebbe aperto un rifugio per gatti tutto suo; infatti, ha adottato il suo primo gatto solo perché suo figlio voleva un animale domestico, e ha iniziato a fare volontariato perché sua figlia adolescente aveva bisogno di un accompagnatore adulto. Era sempre stata più una persona da cani, ma il giorno in cui un gatto cieco è arrivato al rifugio è stato il giorno in cui Miller è stato finalmente 'risucchiato'.

'Il veterinario ha detto che dovremmo sopprimere [il gatto cieco], perché che tipo di qualità di vita avrà?' lei dice. 'E ho pensato, non uccidiamo gli umani perché sono ciechi; questo è pazzesco.'


Abbey, before and after.



Gallee, before and after surgery.


Gina, before and after surgery. Poco dopo ha portato a casa il suo primo gattino cieco, e lui 'correva, saltava, piroettava e giocava con i giocattoli' proprio come qualsiasi altro gatto. E poi il secondo gatto cieco è tornato a casa con lei. Si sparse la voce e quando Miller ebbe quattro gattini ciechi che vivevano con lei, decise di ottenere la sua designazione senza scopo di lucro e 'farlo per davvero'.

Oggi il Blind Cat Rescue and Sanctuary, che si trova sul terreno della fattoria di Miller, ospita 93 gatti, la maggior parte dei quali sono ciechi. Il resto ha FIV o leucemia felina; alcuni sono ciechi e FIV o FEL positivi. L'unica cosa che hanno tutti in comune, però, è che sarebbero stati sottoposti a eutanasia nella maggior parte dei rifugi tradizionali. Invece hanno la possibilità di una vita normale e una casa per sempre al Blind Cat Rescue, dove vivono in colonie di non più di 12 (con aree separate per gatti FIV e FEL-positivi) e ricevono tutte le cure amorevoli, giocattoli, e tratta che possono gestire dallo staff e dai volontari.


Visitors at Blind Cat Rescue.

Poiché molti gatti al rifugio provengono da situazioni che implicano abbandono, abuso e abbandono, sono spesso in cattive condizioni di salute con una miriade di altri problemi oltre alle infezioni agli occhi e alla cecità. Miller ha fatto di tutto per salvare coloro che ne avevano bisogno. Ad esempio, all'inizio di quest'anno, un gatto di 14 anni di nome Abbey è arrivato al rifugio dopo essere stato scaricato al canile dai suoi proprietari di lunga data. Soffriva di una grave infezione agli occhi che la rendeva cieca, oltre che di depressione.


'Era semplicemente devastata', dice Miller. 'Abbiamo finito per metterla su un tubo di alimentazione, per tutti i nove metri. E vederla finalmente tornare da quella depressione e scoprire che va bene, e vederla finalmente mangiare da sola o giocare con l'erba gatta ÔǪ per vederla essere di nuovo un gatto felice e superare quella devastazione è molto gratificante. '

Gallee snuggles with a staffer.


Un'altra gatta di 10 anni di nome Gina è arrivata al Blind Cat Rescue da un canile di New York City dopo essere stata scaricata dai suoi ex proprietari, che, secondo i documenti della struttura, l'avevano tenuta per meno di un anno. I suoi occhi erano duri come la roccia per il glaucoma grave, i suoi denti erano marci e non era sterilizzata. Ancora una volta, Miller ha fatto tutto il possibile per salvare il gatto malato, e oggi Gina è 'una bambina dolce e amorevole che è felice e in salute'.

Ecco un video di Gina:

Un altro gatto di nome Elle è arrivato tramite il controllo degli animali dopo essere stato catturato in una trappola umana. Da randagia, Elle era diventata cieca a causa dell'ipertiroidismo e la sua pelliccia era così arruffata che riusciva a malapena a muoversi. Anche il suo fegato stava cedendo. Con l'aiuto del tutore affidatario di Elle, Miller è stata in grado di curare Elle di nuovo in salute mettendola su un tubo di alimentazione, somministrando l'erba cardo mariano per ripristinare la funzionalità epatica e assicurandosi che ricevesse la chirurgia oculare e gli antibiotici di cui aveva bisogno.

'È ancora viva 14 o 15 mesi dopo, felice come un'allodola, mangia veramente bene', dice Miller. 'Fa le fusa ed è un gatto dolce e amorevole. Doveva superare il fatto che non le avremmo fatto del male, perché aveva avuto brutte esperienze e gli umani non erano una buona cosa. Quindi è stato bello vedere la piccola signorina Elle diventare un gatto vivente ».

Mentre molte persone avrebbero potuto rinunciare a questi gatti, Miller era disposto a combattere per loro fintanto che erano disposti a lasciarglielo fare.

'Un animale pronto a morire ha uno sguardo, e una volta che lo vedi, conosci quello sguardo', dice. 'E [Elle] non aveva quello sguardo. Finché voleva vivere, io volevo continuare a combattere per lei '.

Blind cats Buddy and Izzy.

Il santuario attira molti visitatori durante le sue regolari case aperte, quando le persone della comunità circostante ÔÇô- così come alcuni che sono solo di passaggio -ÔÇô possono entrare e interagire con i gatti, che sono sempre desiderosi di animali domestici gentili e un caldo giro. Molti visitatori sono anche sponsor dei gatti; Miller offre opportunità alle persone di sponsorizzare gatti specifici per una tariffa mensile, che aiuta a coprire i bisogni di base di quel gatto.

Miller aggiorna anche la pagina Facebook di Blind Cat Rescue and Sanctuary con foto e video quasi ogni giorno, dando a tutti l'opportunità di capire ciò che Miller già sa: che i gatti ciechi meritano la possibilità di essere felici e amati come qualsiasi altro gatto.

'Guarda i video e li vedrai correre sugli scalatori, li vedrai saltare sui giocattoli, li vedrai inseguire e giocare con le palle', dice. 'Non sanno di essere ciechi. Sanno solo di essere gatti e si comportano come gatti. '