I gatti potrebbero aprire la strada a un vaccino contro l'HIV

Quando ero un adolescente, il mondo stava appena iniziando a prendere coscienza dell'AIDS. Ho letto storie e ho visto foto di persone affette da AIDS che muoiono di cancro e infezioni opportunistiche, ed è stato reso ancora più spaventoso dal fatto che non esistevano cure o cure conosciute per la malattia. L'AIDS era uno spettro terrificante per me e per molti adolescenti che stavano appena iniziando a prendere coscienza della nostra sessualità. È stato anche oggetto di orribili battute omofobe da parte dei miei coetanei.


Più o meno nello stesso periodo, gli scienziati hanno scoperto il virus dell'immunodeficienza felina, che ha avuto un effetto altrettanto macabro che ho visto in prima persona. Uno dei miei gatti è stato infettato dalla FIV e l'ho guardato durante la progressione della sua malattia. L'ho portato per la sua ultima visita dal veterinario quando la sua sofferenza è diventata troppo da sopportare.

Little boy hugging a cat by Shutterstock


Con il passare degli anni, il trattamento dell'AIDS e del virus dell'immunodeficienza umana che causa la malattia è migliorato, così come la vita delle persone che convivono con l'HIV. Tuttavia, le persone sono ancora diventate disabili permanenti o sono morte a causa della malattia.

Negli ultimi dieci anni circa, la ricerca sul virus dell'immunodeficienza felina ha portato ad alcune scoperte nel trattamento dell'HIV e le ultime notizie stanno fornendo una speranza ancora maggiore per il trattamento e persino un possibile vaccino per la malattia.


I ricercatori dell'Università della Florida e dell'Università della California a San Francisco, hanno scoperto che una proteina del virus dell'immunodeficienza felina produce una risposta immunitaria nel sangue dei pazienti con HIV.



Come ci sono riusciti? Hanno usato le cellule T - globuli bianchi che sono una parte importante del sistema immunitario umano - da esseri umani sieropositivi per vedere se avrebbero prodotto un'attività anti-HIV se esposti a piccole regioni della proteina FIV.


I ricercatori stanno ora lavorando allo sviluppo di un vaccino a base di cellule T per il virus dell'immunodeficienza umana che potrebbe attivare una risposta immunitaria contro il vaccino FIV, inducendo così il corpo umano a produrre proteine ​​che potrebbero uccidere le cellule infettate dall'HIV. La bacchetta magica: i peptidi T, piccoli pezzi di proteine ​​che attivano le cellule T del corpo per attaccare le cellule infettate dall'HIV.

Non tutti i peptidi T funzionano allo stesso modo, tuttavia: alcuni peptidi dell'HIV possono effettivamente aumentare l'infezione da HIV, alcuni non hanno alcun effetto e alcuni possono perdere la loro efficacia se il virus cambia o muta. Lo sviluppo di un vaccino contro l'HIV comporterà la ricerca dei peptidi giusti per creare una risposta immunitaria coerente. I peptidi del virus dell'AIDS felino sembrano fare proprio questo.


Cat and monkey by Shutterstock

Perché i peptidi T del virus dell'immunodeficienza felina agiscono sul virus dell'immunodeficienza umana? Inizia con la genetica. Molte specie di animali hanno la propria versione di un virus dell'immunodeficienza e ognuna si è evoluta per essere più efficace nel causare malattie in quella specie. Tuttavia, poiché questi virus sono tutti correlati, sembra che ci siano peptidi che devono rimanere esattamente gli stessi in ogni versione del virus affinché possa sopravvivere.


Il dottor Jay A. Levy, uno degli autori dello studio, sottolinea che questo non significa che la FIV possa infettare gli esseri umani. Invece, ha dettoNotizie mediche oggi, 'Il virus del gatto assomiglia sufficientemente al virus umano in modo da poter osservare questa reazione incrociata.'

Il prossimo passo per i ricercatori è vedere se questi peptidi FIV mostrano una reazione contro il virus dell'immunodeficienza scimmiesca, la versione trovata nelle scimmie. Successivamente, possono iniziare studi clinici sugli esseri umani.


I risultati dei ricercatori potrebbero anche produrre un vaccino FIV migliorato: una situazione vantaggiosa per tutti!

Informazioni su JaneA Kelley:Mamma gatta punk-rock, nerd della scienza, volontaria di rifugi per animali e geek a tutto tondo con la passione per i giochi di parole, le conversazioni intelligenti e i giochi di ruolo d'avventura. Con gratitudine e grazia accetta il suo status di principale schiava dei gatti per la sua famiglia di blogger felini, che dal 2003 scrivono il loro pluripremiato blog di consigli sui gatti, Paws and Effect. JaneA sogna di guadagnarsi da vivere grazie al suo amore per i gatti .