Chiedi a un veterinario: perché i gatti si ammalano così spesso con i pet sitter?

Circa un mese fa un gatto malato è stato portato nel mio ufficio. Aveva sofferto di una giornata di letargia e scarso appetito. La persona che si prendeva cura di lui si era preoccupata mentre gradualmente smetteva di muoversi.


Le condizioni del gatto erano pessime. Era profondamente letargico - al punto di collassare - e disidratato. La sua temperatura era bassa. La sua vescica era notevolmente turgida e turgida. Anche la palpazione delicata della vescica suscitò un pietoso gemito di dolore. La punta del suo pene si infiammò e ricoperta di detriti cristallini.

La diagnosi è stata subito evidente: il povero gatto soffriva di ostruzione urinaria. L'ostruzione urinaria è facilmente una delle peggiori cose che possono capitare a un gatto. È collegata a una condizione chiamata cistite idiopatica felina, o FIC, a volte chiamata anche malattia del tratto urinario inferiore felino o FLUTD. La FIC è una condizione misteriosa che provoca un'infiammazione episodica della vescica e dell'uretra. In tutti i gatti la condizione causa dolore e sofferenza sostanziali. Ma, a causa della loro anatomia, i gatti maschi con FIC possono subire un destino ancora peggiore: la loro uretra può gonfiarsi e detriti cristallini o muco possono bloccare l'uscita dell'uretra. Questo rende impossibile urinare. Il risultato è un dolore lancinante, seguito da insufficienza renale e squilibri elettrolitici che portano rapidamente alla morte.


Il trattamento per l'ostruzione urinaria prevede il posizionamento di un catetere urinario con diversi giorni di ricovero mentre l'infiammazione si attenua. Il trattamento è intenso e costoso: nelle grandi aree metropolitane costa diverse migliaia di dollari per farlo correttamente. Senza trattamento la morte è quasi certa.


Ho spiegato tutto questo alla persona che aveva portato il gatto. Aveva bisogno di cure immediatamente. Non mi piace fare pressioni sulle persone, ma questo caso era urgente. Il tempo era assolutamente essenziale. E poi è arrivata una sfortunata ruga in questo caso già sfortunato. La persona che ha portato il gatto non era il suo proprietario. Era una pet sitter. Il proprietario era alle Hawaii. Ha composto il suo numero ed è andato direttamente alla segreteria telefonica. Due volte.



Questo ha messo il pet sitter in una situazione estremamente difficile. Il gatto stava letteralmente morendo mentre parlavamo ed era necessaria una decisione immediata. Sarebbe stata agganciata sia per la decisione di trattare che per le spese del trattamento.


Tali situazioni sono frustranti e comuni. In effetti, sono frustrantemente comuni. I gatti si ammalano mentre sono sotto la cura dei pet sitter con una frequenza incredibile. Questo tipo di scenario si verifica almeno una volta alla settimana al mio lavoro. Il pet sitter ha deciso di andare avanti con il trattamento. Anche se non l'ha detto, una domanda era chiaramente nella sua mente. Questa situazione era colpa sua?

La risposta, inequivocabilmente in questo caso e nella stragrande maggioranza di altri casi simili che ho visto, è stata no. Gli animali soffrono di malattie e crisi mediche a tassi molto più alti mentre sono sotto la cura anche dei migliori pet sitter. La spiegazione è semplice: stress.


Lo stress è un fattore di rischio per praticamente ogni serio problema veterinario noto alla scienza. I gatti sono generalmente creature abitudinarie. La semplice separazione dal proprietario può fornire una cannuccia che spezza la schiena di un cammello a qualsiasi malattia della birra; a volte può essere l'unico fattore scatenante necessario per un problema completamente nuovo.

Ad esempio, lo stress è un noto fattore di rischio per l'ostruzione urinaria. I gatti con insufficienza renale stabile spesso entrano in crisi subito dopo che i loro proprietari lasciano la città. Il fabbisogno insulinico dei gatti diabetici cambia con lo stress; il risultato può essere una crisi chetoacidotica. Nei cani, le sindromi temute come la dilatazione gastrica con volvolo (GDV, noto anche come gonfiore) e la gastroenterite emorragica sono altamente legate allo stress.


Il pet sitter nel caso in questione ha optato per un trattamento immediato. Tutto andò bene. Il gatto si è ripreso; il proprietario, quando finalmente ottenne il servizio cellulare, fu grato che il trattamento fosse stato eseguito e felicemente pagato per questo; la colpa del pet sitter è stata placata.

Ma, con la stagione dei viaggi estivi in ​​arrivo, non vuoi che il tuo gatto si trovi in ​​una situazione del genere, se possibile. Ci sono diversi passaggi che consiglio.


1. Scegli un pet sitter competente

Innanzitutto, anche se il tuo gatto ha un problema medico, non pensare di dover essere un ostaggio del tuo animale domestico. Hai diritto a una vacanza.

Tuttavia, anche se il tuo gatto è perfettamente sano, tieni presente che le emergenze veterinarie sono comuni durante le assenze del proprietario. Ovviamente dovresti assicurarti di scegliere un pet sitter responsabile e competente. Conferma che può riconoscere una situazione che richiede cure veterinarie urgenti.

2. Fornisci informazioni alla baby sitter e al veterinario

Comunica i tuoi desideri al tuo pet sitter. Dille se il tuo animale soffre di insufficienza renale cronica da anni e non vuoi sottoporlo a trattamenti importanti. Al contrario, deve anche sapere se vuoi che sia fatto tutto il possibile per il tuo gatto.

Assicurati che il tuo pet sitter abbia un numero di contatto. Tieni acceso il cellulare e rispondi a prescindere dall'ora. L'effettivo contatto dal vivo con il proprietario è sempre il migliore quando si tratta di emergenze veterinarie.

Fai sapere al tuo veterinario che sarai fuori città. Fornisci al veterinario le informazioni del tuo pet sitter e conferma che è autorizzato a prendere decisioni in tua assenza.

3. Annotare tutto

Metti per iscritto le cose importanti. Lascia una nota con le tue informazioni di contatto e una descrizione dei tuoi desideri. Dichiara che in tua assenza autorizzi il tuo pet sitter a prendere decisioni per tuo conto e che non considererai il pet sitter o il veterinario responsabile per procedure eseguite con competenza che falliscono. Fornisci un numero di carta di credito. Non lasciare il pet sitter agganciato per le spese del trattamento.

4. Buona vacanza!

Infine, non perdere il contatto con la realtà. Sebbene gli animali domestici abbiano maggiori probabilità di ammalarsi mentre i loro proprietari sono fuori città rispetto a circostanze normali, ricorda che la stragrande maggioranza dei gatti, anche quelli con condizioni mediche preesistenti, lasciati con i pet sitter se la cava bene. Pianifica il peggio, ma spera (e aspettati) il meglio.

Scopri di più sul tuo gatto con Catster:

  • Fatti sul gatto strano: 8 motivi per cui al tuo gatto piace leccarti
  • 10 suoni che fanno i gatti e cosa significano
  • 8 cose da provare quando il tuo gatto non mangia

Hai una domanda per il dottor Barchas? Chiedi al nostro veterinario nei commenti qui sotto e potresti essere presente in una colonna imminente. (Nota che se hai una situazione di emergenza, consulta immediatamente il tuo veterinario!)